Seruan Muda Brainstorm Meeting

Coltivare il pensiero critico dei giovani sulle questioni sociopolitiche in Indonesia

Durante la pandemia, quando il dibattito pubblico si è spostato in rete, Lamtiar ha notato che molte persone esprimevano opinioni estreme e irrispettose. Nonostante ciò non sia una novità, lei ha sperato che le generazioni più giovani potessero fare di meglio.
Indonesia, Southeastern Asia

Story by Lamtiar Nababan. Translated by Stefania Ledda
Published on November 4, 2022.

This story is also available in GB tr



Credo che il pensiero critico sia essenziale per sopravvivere nell’era digitale. In quanto 15enne appartenente alla Generazione Z [1] e interessata alle questioni sociopolitiche in Indonesia, che è stata classificata 68° nella classifica globale delle competenze [2] ma messa al 3° posto nel mondo per l’utilizzo dei social media [3], ho creato una piattaforma chiamata Seruan Muda [4] (“La voce dei giovani” in italiano) nella speranza di creare uno spazio digitale sicuro per tutti gli adolescenti della mia età, nutrendo lo spirito critico e la consapevolezza dell’esistenza di problematiche sociali all’interno del paese. Nel corso del tempo, ho capito che il pensiero critico non è solamente un’altra serie di abilità da acquisire, ma è anche un privilegio visto che non tutti sono abbastanza fortunati da crescere in un ambiente dove essere critici viene premiato.

Sebbene il fatto che ci siano persone che si comportano in maniera offensiva verso opinioni differenti dalla propria non sia una cosa nuova, per me è una cosa seria perché è diffusa tra tutti coloro che hanno la mia stessa età. Questo non dovrebbe succedere: la generazione più giovane dovrebbe essere meglio di così.

Quando la pandemia da COVID-19 ebbe inizio e le lezioni passarono online, tutti intorno a me, e intorno al mondo [5], cominciarono a essere più attivi sui social media. Leggevo molte notizie preoccupanti, in particolare, vedevo notizie che scatenavano dibattiti e dilemmi morali in Indonesia. Questioni come la parità di genere e il femminismo, l’attivismo ambientale e la libertà religiosa hanno attirato maggiormente l’attenzione nel paese durante la pandemia. Ad esempio, ho visto dibattiti riguardo l’ultima Legge sulla prevenzione degli abusi sessuali (RUU PKS) in Indonesia. Tale legge è stata duramente rigettata dai gruppi religiosi ed è adesso “compromessa” in quanto esclude numerosi elementi importanti che definiscono l’abuso sessuale, come l’aborto forzato e il matrimonio coatto. [6] Vista la dimensione dei dibattiti, mi fa piacere che più persone stiano diventando sempre più consapevoli dei più recenti problemi sociopolitici ma, allo stesso tempo, trovo che alcune persone esprimano anche opinioni politicamente estreme e irrispettose nei confronti degli altri. Sebbene il fatto che ci siano persone che si comportano in maniera offensiva verso opinioni differenti dalla propria non sia una cosa nuova, per me è una cosa seria perché è diffusa tra tutti coloro che hanno la mia stessa età. Questo non dovrebbe succedere: la generazione più giovane dovrebbe essere meglio di così.

Nel novembre del 2020, io e il mio amico d’infanzia Abraham abbiamo fondato Seruan Muda per condividere i nostri punti di vista e reagire alle problematiche sociali in Indonesia, come l’uguaglianza di genere, la prevenzione della disinformazione, il cyberbullismo e i conflitti legati ai temi ambientali. Creata sia su Instagram che su un sito web, la piattaforma fornisce importanti spunti tratti dai nostri incontri, che uniscono più prospettive insieme ad altri giovani riguardo alle più recenti questioni sociali. Mentre allarghiamo il nostro team, cerchiamo di mantenere un ambiente rispettoso basato sul principio che “tutte le tue opinioni sono valide a patto che tu fornisca dei ragionamenti con basi solide.”

Ho scoperto che molti dei miei amici erano restii a diventare membri di Seruan Muda perché i loro genitori gli proibivano di farlo. Pare che sia così perché essere critici non è comune tra le vecchie generazioni e le cose che non sono comuni fanno paura.

Mentre provavamo a far registrare i nostri amici sulla piattaforma, realizzai di avere il privilegio di essere nata in una famiglia che incoraggia il pensiero critico. Ho scoperto che molti dei miei amici erano restii a diventare membri di Seruan Muda perché i loro genitori gli proibivano di farlo. Pare che sia così perché essere critici non è comune tra le vecchie generazioni e le cose che non sono comuni fanno paura. I genitori dei miei amici avevano paura che il pensiero critico fosse qualcosa di simile agli “ideali liberali occidentali” che insegnano alla gente a dare priorità alla libertà individuale a discapito dello spirito comunitario, che è un tradizionale valore indonesiano. Ad esempio, in Indonesia, ci si aspetta che i figli si prendano cura dei genitori mano a mano che quest’ultimi diventano anziani, invece, questo non accade in molte culture occidentali. Nonostante tale esempio sia valido, credo che il timore generale verso lo spirito critico sia sbagliato poiché il senso del pensiero critico è quello di dare a ognuno di noi gli strumenti per elaborare le informazioni, attraverso quei valori che vanno bene per noi, indipendentemente da dove vengono, e restando rispettosi delle opinioni diverse dalle nostre. È spiacevole quando il pensiero critico viene represso dalla paura. E a causa di quest'ultima, non è stato facile convincere i miei amici a unirsi alla mia piattaforma, a meno che non fossero già motivati dall'interno a partecipare in maniera critica alla risoluzione delle questioni sociali.

Ma non perdo la speranza: molti giovani stanno diventando membri della mia organizzazione a prescindere dalla paura dei loro genitori. Sono testimone del fatto che un numero sempre più consistente delle giovani generazioni indonesiane attribuiscono importanza al pensiero critico e sono consapevoli delle questioni sociopolitiche. Seruan Muda è un partecipante ma anche un prodotto di questa tendenza, in quanto spazio sicuro dedicato alle generazioni più giovani per lo scambio di opinioni in modo rispettoso e senza paura. Mentre cresciamo in un'epoca dove la facilità di accesso alle informazioni è senza precedenti, sono ottimista riguardo alla possibilità di usare le nostre dita per scrivere idee che possano gettare le fondamenta di un mondo più trasparente e umano.


Footnotes

[1] Per Generazione Z (Gen-Z) si intendono tutte le persone nate tra la fine degli anni '90 e il 2010.

[2]https://worldpopulationreview.com/country-rankings/literacy-rate-by-country  

[3] https://digitalmarketinginstitute.com/blog/social-media-what-countries-use-it-most-and-what-are-they-using

[4] https://www.instagram.com/seruanmuda.id and https://seruanmudaindonesia.weebly.com/

[5] https://www.vox.com/recode/22295131/social-media-use-pandemic-covid-19-instagram-tiktok

[6] https://www.cnnindonesia.com/nasional/20210903131110-32-689315/kompaks-ruu-pks-ganti-nama-jadi-tpks-85-pasal-hilang


How does this story make you feel?

Follow-up

Do you have any questions after reading this story? Do you want to follow-up on what you've just read? Get in touch with our team to learn more! Send an email to
[email protected].

Talk about this Story

Please enable cookies to view the comments powered by Disqus.

Share your story

Every story we share is another perspective on a complex topic like migration, gender and sexuality or liberation. We believe that these personal stories are important to better understand what's going on in our globalised society - and to better understand each other. That's because we are convinced that the more we understand about each other, the easier it will be for us to really talk to one another, to get closer - and to maybe find solutions for the issues that affect us all. 

Do you want to share your story? Then have a look here for more info.

Share Your Story

Subscribe to our Monthly Newsletter

Stay up to date with new stories on Correspondents of the World by subscribing to our monthly newsletter:

* indicates required

Follow us on Social Media

Lamtiar Nababan

Lamtiar Nababan

Lamtiar Nababan was born in Tangerang in 2005. She aspires to be a changemaker. In the midst of the pandemic, she founded Seruan Muda Indonesia - an organization to educate and empower Indonesian youths on social issues in the country.

Other Stories in Italiano




Show all

Get involved

At Correspondents of the World, we want to contribute to a better understanding of one another in a world that seems to get smaller by the day - but somehow neglects to bring people closer together as well. We think that one of the most frequent reasons for misunderstanding and unnecessarily heated debates is that we don't really understand how each of us is affected differently by global issues.

Our aim is to change that with every personal story we share.

Share Your Story

Community Worldwide

Correspondents of the World is not just this website, but also a great community of people from all over the world. While face-to-face meetings are difficult at the moment, our Facebook Community Group is THE place to be to meet other people invested in Correspondents of the World. We are currently running a series of online-tea talks to get to know each other better.

Join Our Community

EXPLORE TOPIC Liberation

Global Issues Through Local Eyes

We are Correspondents of the World, an online platform where people from all over the world share their personal stories in relation to global development. We try to collect stories from people of all ages and genders, people with different social and religious backgrounds and people with all kinds of political opinions in order to get a fuller picture of what is going on behind the big news.

Our Correspondents

At Correspondents of the World we invite everyone to share their own story. This means we don't have professional writers or skilled interviewers. We believe that this approach offers a whole new perspective on topics we normally only read about in the news - if at all. If you would like to share your story, you can find more info here.

Share Your Story

Our Editors

We acknowledge that the stories we collect will necessarily be biased. But so is news. Believing in the power of the narrative, our growing team of awesome editors helps correspondents to make sure that their story is strictly about their personal experience - and let that speak for itself.

Become an Editor

Vision

At Correspondents of the World, we want to contribute to a better understanding of one another in a world that seems to get smaller by the day - but somehow neglects to bring people closer together as well. We think that one of the most frequent reasons for misunderstanding and unnecessarily heated debates is that we don't really understand how each of us is affected differently by global issues.

Our aim is to change that with every personal story we share.

View Our Full Vision & Mission Statement

Topics

We believe in quality over quantity. To give ourselves a focus, we started out to collect personal stories that relate to our correspondents' experiences with six different global topics. However, these topics were selected to increase the likelihood that the stories of different correspondents will cover the same issues and therefore illuminate these issues from different perspectives - and not to exclude any stories. If you have a personal story relating to a global issue that's not covered by our topics, please still reach out to us! We definitely have some blind spots and are happy to revise our focus and introduce new topics at any point in time. 

Environment

Discussions about the environment often center on grim, impersonal figures. Among the numbers and warnings, it is easy to forget that all of these statistics actually also affect us - in very different ways. We believe that in order to understand the immensity of environmental topics and global climate change, we need the personal stories of our correspondents.

Gender and Sexuality

Gender is the assumption of a "normal". Unmet expectations of what is normal are a world-wide cause for violence. We hope that the stories of our correspondents will help us to better understand the effects of global developments related to gender and sexuality, and to reveal outdated concepts that have been reinforced for centuries.

Migration

Our correspondents write about migration because it is a deeply personal topic that is often dehumanized. People quickly become foreigners, refugees - a "they". But: we have always been migrating, and we always will. For millions of different reasons. By sharing personal stories about migration, we hope to re-humanize this global topic.

Liberation

We want to support the demand for justice by spotlighting the personal stories of people who seek liberation in all its different forms. Our correspondents share their individual experiences in creating equality. We hope that for some this will be an encouragement to continue their own struggle against inequality and oppression - and for some an encouragement to get involved.

Education

Education is the newest addition to our themes. We believe that education, not only formal but also informal, is one of the core aspects of just and equal society as well as social change. Our correspondents share their experiences and confrontations about educational inequalities, accessibility issues and influence of societal norms and structures. 

Corona Virus

2020 is a year different from others before - not least because of the Corona pandemic. The worldwide spread of a highly contagious virus is something that affects all of us in very different ways. To get a better picture of how the pandemic's plethora of explicit and implicit consequences influences our everyday life, we share lockdown stories from correspondents all over the world.

Growing Fast

Although we started just over a year ago, Correspondents of the World has a quickly growing community of correspondents - and a dedicated team of editors, translators and country managers.

91

Correspondents

104

Stories

50

Countries

397

Translations

Contact

Correspondents of the World is as much a community as an online platform. Please feel free to contact us for whatever reason!

Message Us

Message on WhatsApp

Call Us

Joost: +31 6 30273938